About me

Ho sempre sognato, immaginato e organizzato il mio matrimonio.

Col tempo le fantasie sull’abito perfetto, sulla festa e sui dettagli sono cambiate. Una parte di questi sogni a ogni aperti, però, è sempre rimasta: l’idea che organizzare e vivere il giorno del sì sarebbe stata un’avventura esaltante, un vero e proprio turbinio di emozioni.

Queste fantasie mi hanno catapultata nel mondo del wedding, dell’eleganza e della moda. Curiosa e appassionata, ho letto libri e riviste, seguito corsi di event planning e di galateo. Eppure, c’è qualcosa nel pensare il matrimonio che va oltre la pagina patinata di una rivista e le regole del bon ton. Qualcosa che nessuno può insegnarci: l’intenzione di lasciarsi trasportare dalle fantasie, di dare spazio all’immaginazione e di immergersi nelle emozioni.

Jackie vi racconta come scegliere tra norme di galateo e la propria fantasia.

Tra ciò che si “deve” fare e ciò che si “desidera” davvero.

Jackie vi dà una sola regola: emozionatevi per ogni dettaglio!


Oltre il mondo wedding

I dettagli che emozionano Jackie:
> L’azzurro dei tetti di Parigi.
> Il rumore delle onde del mare che si infrangono contro gli scogli.
> La voce e la chitarra di Zucchero Fornaciari.
> Le scarpe lucide dei ballerini di tango argentino.
> La delicatezza della neve fresca tenuta in mano.
> Il colore sbiadito delle vecchie fotografie.
> Il profumo di caldarroste nelle vie di paese.

Foto di copertina by Luca William Lucarelli